Riqualificazione Edilizia Residenziale Popolare

L'Edilizia Residenziale Popolare Puteolana vive da anni una situazione di disagio abitativo e vede l'intero patrimonio immobiliare oggetto di degrado sociale, culturale e amministrativo. Il patrimonio consiste in circa 5000 alloggi tra residenziali e commerciali.

Una politica che desideri porre al centro della sua visione l'identità culturale della propria cittadinanza, ha come priorità quella di salvaguardare i cittadini da degenerazione e degrado socio-economico, e dopo gli ultimi 30 anni di assenze ingiustificate da parte delle varie amministrazioni, è doveroso darsi da fare.

Negli anni ci si è limiati a risolvere problemi relativi alle contingenze che via via emergevano per l’usura strutturale degli edifici, senza avere una visione programmatica di interventi.

Noi vogliamo attuare misure per la soluzione al disagio abitativo e per la riqualificazione del patrimonio edilizio esistente attraverso la promozione dello sviluppo sostenibile e la valorizzazione del tessuto urbano, utili per il miglioramento delle economie locali e dell'integrazione sociale.

Vanno quindi intraprese iniziative concrete relative agli adeguamenti strutturali, agli efficientamenti energetici e alle politiche sociali. Tali interventi richiedono tempo e sforzo notevoli, sia da parte dell'amministrazione che degli assegnatari. Bisogna, di comune accordo, individuare le politiche da attuare affinchè le periferie si riapproprino della loro identità.

Si potrebbe pensare di attuare una politica volta a trasformare l'Edilizia Residenziale Popolare in Edilizia Residenziale Sociale (Social Housing), partendo con un progetto pilota che dia un segnale concreto di un piano di riqualifica e risanamento adeguati.